Il marketing multicanale applicato al mondo dell’hôtellerie si riferisce alla pratica di interagire con gli ospiti, o potenziali tali, utilizzando una combinazione di canali di comunicazione diretti e indiretti come sito web, OTA, portali di recensioni, social media, newsletter, dispositivi mobili, permettendo di contattare e di essere contattato da più persone e da più parti.

Il marketing multicanale è importante per il semplice motivo che devi essere dove sono i tuoi ospiti. E loro sono ovunque!

Grazie alla proliferazione dei canali disponibili, i viaggiatori hanno più scelte che mai quando si tratta di ottenere informazioni.

Oggi i canali a nostra disposizione sono molto vari rispetto a qualche decennio fa, e poiché il loro numero sarà destinato ad aumentare, la necessità di abbracciare il marketing multicanale diventerà non solo una buona prassi, ma anche fondamentale.

Ecco quindi che desidero darti 5 buoni motivi e altrettanti “dritte” sul perché dovresti adottare una strategia di marketing multicanale.

5 chiavi di successo per un buon marketing multicanale

1 – Mai focalizzarsi su un canale

Per riprendere quanto scritto sopra, proprio perché stiamo parlando di multichannel marketing, è assolutamente sconsigliato perseguire un’unica strada, quando abbiamo molteplici sentieri che ci portano ad un’unica meta: l’ospite finale!

Non focalizzarti su una sola fonte di traffico anche se i risultati sono soddisfacenti.

Ad esempio, se le campagne sui social stanno performando alla grande, non significa che il trend sarà sempre così positivo, magari sarà il caso di integrare altre piattaforme per intercettare i viaggiatori.

2 – Il giusto mix tra gratuito e a pagamento

E’ consigliato approfittare di tool e piattaforme gratuite. Ad esempio, completare e aggiornare le schede di Google My Business permettono di aumentare la visibilità e arricchire le informazioni della tua struttura.

Ma perché non valutare anche delle campagne di Google Ads, più comprensibilmente nei periodi di bassa stagione oppure delle campagne di Brand Protection?

Facebook e Instagram sono gratuiti e devono essere popolati con regolarità, ma sponsorizzare la propria struttura tramite una campagna immersiva è ancor più efficace per spingerle ulteriormente l’attrattività del tuo prodotto.

3 – La giusta sinergia tra canali diversi

I canali e le modalità con cui i tuoi ospiti entrano in contatto con te sono davvero molti e connessi gli uni agli altri anche se apparentemente non lo sono.

  • Facebook, Instagram e anche Linkedin: ti permettono di parlare direttamente al tuo pubblico in modo diretto ed informale i primi, in modo professionale l’ultimo, creando un legame con la community e aumentando la notorietà del tuo brand
  • Facebook Ads, Instagram Ads e Google Ads: ti danno quel supporto in più per ampliare la portata dei tuoi post che “naturalmente” sarebbe difficile da raggiungere
  • SEO: sappiamo che aiuta il ranking del tuo sito, è un lavoro lungo, ma durante l’ascesa nei risultati di ricerca puoi essere affiancato da una pianificazione di campagne di Google
  • Content marketing: non è sinonimo di blog, ma è tutta quella produzione di contenuti testuali, grafici, video che diffondono la tua immagine e il tuo messaggio sui vari supporti. E’ comunque connessa alla SEO perché con le giuste parole chiave i tuoi contenuti possono raggiungere una maggiore visibilità
  • E-Mail Marketing: l’invio di newsletter è il modo più diretto per andare a comunicare con chi è stato tuo ospite o è interessato alla tua struttura
  • OTA e metasearch: godono di quella visibilità duramente raggiungibile dal tuo sito, fungono da vero e proprio motore di ricerca per gli hotel, quindi è consigliabile esserci (con le giuste politiche di pricing a favore del proprio booking engine!)

4 – Crea e mantieni una visione unica dell’ospite su tutti i canali

Gli ospiti di oggi spesso interagiscono con il tuo brand in una varietà di modi che coinvolgono più di un punto di contatto (i famosi touchpoint della customer journey), ma è fondamentale avere una visione unica dell’ospite.

Avere molti dati sui tuoi ospiti non è la stessa cosa che avere un’unica visione dell’ospite stesso.

Ne abbiamo già parlato in un precedente articolo: non sono solo i dati in sé ad essere importanti, ma è quello che ne fai con essi.

Gli ospiti cambiano, come le loro modalità di ricerca, di viaggio, le loro esigenze; di conseguenza la tua visione deve cambiare insieme a loro. Ciò significa portare nuovi dati, aggiornare i vecchi, costruire nuove guest personas .

5 – Crea una user experience coerente su tutti i canali

L’esperienza del cliente è uno dei fattori di differenziazione competitivi più potenti.

E’ fondamentale la qualità dell’esperienza del cliente tanto quanto lo è la coerenza.

Questo perché i tuoi ospiti sperimentano il tuo brand nel suo insieme, indipendentemente dal fatto che le loro interazioni siano online, al telefono, sul tuo sito o su un’OTA.

Il tuo ospite è tuo, a prescindere dal canale di contatto, devi trattarlo per come è, prezioso!

Come vedi, tutti gli attori che popolano l’affascinante mondo del marketing digitale dell’hôtellerie sono strettamente connessi gli uni agli altri ed è importante sviluppare quelle competenze e quelle strategia che ti permettono di presidiarli con coerenza e parlando al giusto utente finale.

E tu, stai presidiando tutti i canali?

Buon lavoro,
Giovanni