Stamane mi sono svegliato con questa domanda che riecheggiava nella testa: quale sarà il futuro dei consulenti Revenue nell’era dell’AI?

Con l’introduzione dei nuovi strumenti di Intelligenza Artificiale (AI) nel Revenue Management, il ruolo dei consulenti del settore dovrà necessariamente evolvere, mutare. In realtà ciò sta già avvenendo e, in alcuni, non senza ansie o preoccupazioni di sorta.

In questo articolo, esploreremo come l’AI influenzerà il lavoro dei consulenti di Revenue Management, quali competenze saranno necessarie e come possono adattarsi a questo nuovo panorama.

Il Ruolo dei Consulenti di Revenue Management

Tradizionalmente, i consulenti di Revenue Management hanno svolto un ruolo cruciale nell’analisi dei dati, nella creazione di strategie di pricing e nella gestione dell’inventario per ottimizzare i ricavi. Utilizzando tecniche analitiche e la loro esperienza, hanno aiutato le aziende a prevedere la domanda e a prendere decisioni informate.

I vantaggi dell’AI per i consulenti di Revenue Management (e non solo)

Tornando al tema dell’articolo, l’introduzione degli strumenti di AI sta trasformando radicalmente il Revenue Management, portando cambiamenti significativi anche nel ruolo dei consulenti.

Si ma ci sono dei vantaggi? Se si, quali? Proviamo a vedere quali:

  • Automazione delle Attività Ripetitive: Con l’AI che automatizza molte delle attività ripetitive e analitiche, i consulenti potranno dedicare più tempo a compiti strategici. L’analisi dei dati e la previsione della domanda, che prima richiedevano tempo e risorse, possono ora essere eseguite più rapidamente e con maggiore precisione dagli algoritmi di AI.
  • Focus su Competenze Avanzate: I consulenti dovranno sviluppare competenze avanzate in analisi dei dati e AI. Sarà fondamentale comprendere come funzionano gli algoritmi di machine learning, come interpretare i risultati prodotti dagli strumenti di AI e come integrare queste tecnologie nelle strategie di business.
  • Consulenza Strategica e Decision Making: Con l’AI che fornisce insights dettagliati e previsioni accurate, i consulenti avranno un ruolo più importante nella consulenza strategica. Saranno chiamati a interpretare i dati forniti dall’AI, valutare scenari complessi e prendere decisioni informate che vadano oltre la mera analisi numerica.
  • Adattamento e Personalizzazione: L’AI offre la possibilità di creare strategie altamente personalizzate. I consulenti dovranno adattare le loro raccomandazioni in base ai dati specifici di ogni cliente, sfruttando le capacità dell’AI per fornire soluzioni su misura che rispondano alle esigenze uniche di ogni azienda.

Nuove Competenze Necessarie

Parlando con un collega qualche giorno fa, lui molto preoccupato (io per nulla), evidenziavo come a mio avviso tutta questa tecnologia necessiterà di una maggiore capacità di analisi strategica e di competenze specifiche, non solo relative all’hotellerie ma trasversali nei diversi ambiti.

Tutto questo premierà ancor di più quei consulenti che avranno la capacità di mettere insieme i diversi elementi utili “alla messa a terra” di una cospicua mole di dati e indicazioni date dall’AI.

Ci sarebbe poi da fare una distinzione tra consulenti strategici e più strettamente operativi ma questo è un discorso che affronteremo un’altra volta.

Ma quali sono queste competenze?

Per rimanere al passo, i consulenti dovranno acquisire nuove competenze e aggiornare quelle esistenti:

  • Competenze Tecniche: Conoscenze in programmazione, data science e comprensione degli algoritmi di AI saranno essenziali. La capacità di lavorare con strumenti di analisi avanzata e software di AI diventerà un requisito fondamentale.
  • Analisi dei Dati: Sarà importante sviluppare competenze approfondite in analisi dei dati, comprendendo come estrarre insights significativi dai big data e come utilizzare questi insights per definire le strategie di pricing e revenue management.
  • Soft Skills: Competenze come il pensiero critico, la capacità di risolvere problemi complessi e le abilità di comunicazione saranno cruciali. I consulenti dovranno spiegare i risultati degli strumenti di AI ai clienti e collaborare con diversi dipartimenti per implementare strategie efficaci.
  • Formazione Continua: Con l’evoluzione rapida della tecnologia, i consulenti dovranno impegnarsi in un apprendimento continuo. Partecipare a corsi di aggiornamento, workshop e conferenze sull’AI e il Revenue Management sarà indispensabile per rimanere al passo con le ultime tendenze e innovazioni.

Il Futuro dei Consulenti

L’AI sta rivoluzionando il Revenue Management (e non solo), oltre che il ruolo dei consulenti in questo settore. Sebbene molti aspetti analitici e operativi possano essere automatizzati, la necessità di competenze strategiche, interpretative e consulenziali continuerà a crescere.

Come detto qui sopra, i consulenti che sapranno adattarsi e acquisire queste nuove competenze diventeranno ancora più preziosi per le aziende, aiutandole a navigare in un panorama sempre più complesso e competitivo.

È necessario che sappiano evolversi e sfruttare tutte queste tecnologie. Così facendo saranno in grado di offrire un valore aggiunto significativo alle aziende, garantendo loro un vantaggio competitivo nel mercato globale.

Per chiudere, una maggiore enfasi sulla consulenza strategica e l’integrazione delle tecnologie di AI nei processi decisionali è la chiave per restare al passo con i tempi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Bene, sappi che, siccome l’integrazione è già iniziata, l’articolo e le immagini in esso contenute sono generati utilizzando proprio l’AI, semplicemente rimodulandone i contenuti e integrandolo con personalizzazioni e opinioni personali.

Come vedi nel futuro ci siamo già,

A presto!

Giovanni Derosas