In queste ultime settimane avrai di certo sentito parlare dei Fondi Rotativi Imprese Turistiche, un’opportunità da cogliere per tutte le imprese ricettive, in particolare nel comparto alberghiero.

Si ma cosa sono?

Come funzionano?

Chi può farne richiesta?

A questo proposito, abbiamo deciso anche noi di fare un pò di chiarezza con questo articolo.

Parleremo di Fondi Rotativi Imprese Turistiche per lo sviluppo del turismo: di cosa si tratta, le misure previste e soprattutto, i termini entro i quali presentare la domanda.

Vediamo insieme, passo dopo passo, cosa prevede questa misura e come puoi sfruttare questa opportunità.

I Fondi Rotativo Imprese Turistiche per lo sviluppo del turismo prevedono contributi a fondo perduto pari a € 180 mln per il periodo 2022 – 2025 volti a migliorare la qualità dei servizi di ospitalità attraverso il potenziamento delle strutture ricettive e sostenere nuovi investimenti nel settore fieristico, secondo principi di sostenibilità ambientale e digitalizzazione, al fine di attrarre nuovi flussi turistici su scala nazionale ed internazionale.

L’obiettivo è sostenere investimenti di dimensioni medio-grandi tra € 500 mila e € 10 Mln, agendo in piena complementarità con lo strumento del tax credit, quali: ristrutturazione immobiliare, investimenti innovativi in chiave ambientale, gestione dell’inquinamento acustico e altri ambiti volti a rafforzare la competitività delle imprese del settore, il raggiungimento di nuovi standard di qualità riconosciuti a livello europeo ed internazionale, sviluppati anche in termini di sostenibilità ambientale e sicurezza sanitaria.

Si ma chi può farne richiesta?

Possono richiedere l’incentivo tutte le aziende del comparto turistico, in particolare le imprese alberghiere, le strutture che svolgono attività agrituristica, le strutture ricettive all’aria aperta, nonché le imprese del comparto ricreativo, fieristico e congressuale, compresi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici ed i parchi tematici.

L’oggetto del fondo prevede contributi diretti alla spesa (35%) per interventi di riqualificazione ambientale, sostenibilità ambientale ed innovazione digitale e finanziamenti agevolati rimborsabili in 15 anni.

Gli interventi ammessi sono:

  • Riqualificazione energetica delle strutture compresa la sostituzione integrale o parziale dei sistemi di condizionamento in efficienza energetica dell’aria;
  • Interventi di riqualificazione antisismica;
  • Interventi di eliminazione delle barriere architettoniche;
  • Interventi edilizi;
  • Interventi di realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali;
  • Interventi per la digitalizzazione;
  • Interventi di acquisto/rinnovo di arredi;
  • Interventi riguardanti i centri termali, i porti turistici, i parchi tematici, inclusi i parchi acquatici e faunistici.

Vediamo nel dettaglio lo spese ammissibili:

  • Servizi di progettazione, nella misura massima del 2%;
  • Suolo aziendale e sue sistemazioni, nella misura massima del 5% dell’importo complessivo ammissibile del Programma d’investimento;
  • Fabbricati, opere murarie e assimilate, nella misura massima del 50% dell’importo complessivo ammissibile del Programma d’investimento;
  • Macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica;
  • Spese per la digitalizzazione, esclusi i costi relativi alla intermediazione commerciale, nella misura massima del 5%.

Oltre al fondo perduto, è previsto un finanziamento bancario erogato da una banca finanziatrice.

Il 50% del valore del finanziamento sarà erogato allo 0,5% annuo a valere sul Fondo rotativo imprese, il rimanente 50% a tasso di mercato su fondi dell’istituto di credito.
Il finanziamento ha una durata compresa tra 4 e 15 anni e sul finanziamento è possibile utilizzare le garanzie del Fondo di Garanzia e SACE o altre garanzie.

Termini e modalità di presentazione delle proposte

Sarà possibile presentare domanda dal 1° marzo 2023 e sino al 31 marzo 2023, salvo esaurimento anticipato delle risorse. Le domande saranno valutate sulla base dell’ordine di presentazione. Le agevolazioni saranno erogate per stati di avanzamento lavori (SAL) per un massimo di 2, più l’ultimo a saldo.

Se pensi che questa possa essere per te un’opportunità, ti consigliamo, per maggiori dettagli e riferimenti di legge, di consultare il sito Fondo Rotativo Imprese

Fonte: Ministero del Turismo, www.ministeroturismo.gov.it

Un saluto e al prossimo articolo.

A presto!

Giovanni