Hotel trends e new concept per il 2019: ecco quali sono!

Hotel trends e new concept per il 2019: ecco quali sono!

Il vero, grande, trend nel mondo dell’hotellerie sono i prodotti alberghieri con una forte personalità. Un hotel oggi deve unire praticità e design, senza trascurare la facilità d’uso di tutte le tecnologie, elemento sempre più preponderante.

E questo non solo nelle camere, ma anche nei servizi come breakfast e ristorazione.

L’esperienza dell’ospite

L'esperienza dell'ospiteOffrire un’esperienza di viaggio piacevole ed emozionante è l’elemento vitale di qualsiasi hotel.

La tecnologia, in questo senso, gioca un ruolo importante, come abbiamo già detto nello scorso articolo.

Tu e tutti gli albergatori altro non potete fare che adattarvi a queste tendenze emergenti e creare l’esperienza migliore per gli ospiti.

Si ma quale?!

Partiamo da un presupposto:

Non c’è niente di meglio, per ottenere il massimo dalla propria struttura, che offrire un servizio personalizzato.

In questo senso, sono soprattutto i Millennials a definire i nuovi paradigmi del viaggio.

Quello che maggiormente li caratterizza è la ricerca di esperienze autentiche.

I trend nel mondo dell’hotellerie

Il mondo dell’hotellerie negli ultimi anni ha vissuto alti e bassi, cambi repentini di mercato e, in alcuni casi, un crollo delle tariffe medie.

La necessità di attirare nuove nicchie di mercato è quindi diventata un modo di concepire e organizzare spazi e servizi.

A partire dalla colazione, fino ad arrivare al bar, che diventa luogo di ritrovo dove poter bere un cocktail dopo cena, e che allo stesso tempo è pronto ad accogliere anche una clientela esterna.

Anzi, direi che è quasi obbligato a farlo a meno che non si trascuri la sostenibilità economica del proprio business.

Non credo sia il caso. Ma non solo.

Oggi la tendenza è quella di focalizzare i target della struttura su 2/3 target tipologie di clientela.

Te ne abbiamo già parlato nell’articolo del Bleisure ricordi?

Se si decide di puntare su dei target in particolare, bisogna sceglierli accuratamente, di modo che ci sia congruità tra le diverse fasce di pubblico.

Sarà infatti necessario fare maggiore attenzione a tanti particolari, dal menù agli arredi, dai servizi agli accessori, alla comunicazione.

Un segmento interessante, da alcuni anni, è quello di chi viaggia con il proprio amico a quattro zampe.
I nuclei familiari con cani e gatti sono il 55%, in Italia.

E circa 12 mila alberghi si definiscono “pet friendly”.

Nella maggior parte dei casi questo vuol dire offrire una cuccia, qualche ciotola e cibo ad hoc.

Ma quello che sta cambiando è anche la concezione dei front office, oramai sempre più interconnessi con il servizio bar e accoglienza in senso stretto.

Il caro e vecchio bancone sta lasciando il posto a reception “aperte”, più simili a delle lounge area che a un ufficio postale.
Inutile dire che a tutto ciò viene in soccorso la tecnologia, grazie a gestionali sempre più in cloud e smartphone oriented.

Food and Beverage

Food and BeverageDicevamo prima delle reception.

Direte voi cosa c’entra in questa sezione? C’entra eccome.

Come dicevamo prima infatti, le reception diventano delle lounge e inglobano anche gli aspetti legati al food & beverage, al bar in particolare.

Questo perché i nuovi viaggiatori sono sicuramente più attenti rispetto al passato all’accoglienza, al mangiare e bere bene e all’alimentazione.

Sono più informati su quello che mangiano e bevono, oltre naturalmente ad essere eco-friendly.

Finalmente, dopo anni, è stato abbattuto definitivamente il concetto del cibo che per essere buono deve essere anche costoso.

Oggi in hotel si mangia anche Street Food, e se non si ha la possibilità di farlo all’interno della struttura, agli ospiti vengono suggeriti i luoghi migliori dove poterlo fare: mercati locali, ristoranti e food tour di vario genere.

E poi, l’esperienza del cibo si intreccia con quella social.

Piatti, colazioni e cocktail vengono pubblicati su Instagram.

Lo farai tu sui tuoi profili aziendali per suggerire ai potenziali viaggiatori dove andare a mangiare o dove acquistare prodotti locali.

E saranno gli ospiti della tua struttura a farlo, a loro volta, per mostrarlo ai propri amici.

Sta a te sollecitare i tuoi ospiti a fotografare quello che porti in tavola.

Come usare gli spazi di un hotel

Come usare gli spazi di un hotelNegli ultimi anni è letteralmente esploso il fenomeno di Airbnb, ma anziché lamentarsi o piangere sul fatto che portano via potenziali clienti al tuo hotel, ti sei mai chiesto quali siano i reali vantaggi che una struttura alberghiera può offrire rispetto a quelle extra-alberghiere?

Uno dei grandi punti di forza sono gli spazi comuni, interessanti soprattutto per il segmento bleisure, che diventano co-working aperti agli esterni, con caffetterie e bistrot.

Oggi gli spazi degli hotel sono ibridi e flessibili.

Sono pensati per lavorare da remoto e allo stesso tempo rilassarsi o fare colazione.

E poi ancora: spazi social nelle lobby e numerose, spesso insolite, occasioni di divertimento, come bar, negozi e musica dal vivo.

Un altro servizio che l’hotel può offrire è la reception 24 ore su 24.

Il bar può diventare anche area relax, dove poter gustare un caffè, un light lunch o un aperitivo.

Anche la colazione può essere una buona leva di marketing.

Investendo su un piccolo team di cucina per il breakfast, potrai preparare tutto in casa e migliorare la presentazione del buffet, riorganizzando la sala e incrementando la qualità.

Che dici, c’è qualcosa che puoi già applicare?

A presto,

Giovanni

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *