Quali saranno le tendenze nell'Ospitalità del 2019?

quali saranno le tendenze nell'ospitalità del 2019

Ogni anno ci chiediamo quali saranno le tendenze nel mondo del Turismo e dell’Ospitalità, per precedere i desideri dei viaggiatori e offrire prima degli altri la miglior proposta possibile.

Oggi abbiamo messo insieme i principali trend, raccolti grazie alle recensioni di Booking.com, e a veri e propri questionari per capire cosa si aspettano i viaggiatori.

Continua a leggere e scopri quali sono.

Le ultime tendenze per chi viaggia

ultime tendenze per chi viaggiaCome sempre, i primi mesi dell’anno, sono dedicati alle previsioni su quali saranno i trend più interessanti per quanto riguarda l’Ospitalità, provando ad anticipare le mosse dei competitors e dei viaggiatori.

Ecco quali sono i principali:

1 – Viaggio come realizzazione personale
2 – Tutto in un’app
3 – Maggiore personalizzazione
4 – Viaggi consapevoli
5 – Viaggi sostenibili
6 – Ricerca dell’esperienza
7 – Si viaggia soprattutto nel week end

1. Viaggio come realizzazione personale

In questo anno saranno sempre di più le persone che viaggeranno per realizzazione personale.

Il viaggio è visto come una vera e propria lezione di vita, soprattutto dai più giovani.

C’è chi fa volontariato e chi vuole imparare qualcosa dal viaggio.

Questo vale, soprattutto, per gli appartenenti alla Generazione Z, continuamente alla ricerca di scambi culturali o esperienze formative nel campo professionale, all’estero.

2. Tutto in un’app

Le innovazioni tecnologiche influiscono tantissimo sul modo di viaggiare.

Si parla molto di intelligenza artificiale, realtà virtuale e riconoscimento vocale.

Questo 2019 sarà sicuramente l’anno in cui molte innovazioni troveranno la propria applicazione nel mondo dell’Ospitalità.

Già in molti hotel ai viaggiatori sarà data la possibilità di accedere allo smartphone, ottenere consigli di viaggio personalizzati oppure offrire assistenza concierge virtuale.

Tutto questo spesso tramite l’uso di una sola app.

3. Maggiore personalizzazione

La strada verso la quale tutti noi stiamo andando è quella di una sempre maggiore personalizzazione.

Infatti, le vecchie guide turistiche cartacee – o anche online, lasciano spazio ad applicazioni che forniscono contenuti brevi e modellati in base alle nostre esigenze.

Sono sempre di più i viaggiatori che vorrebbero che qualcuno (o qualcosa) si occupasse dell’organizzazione del viaggio e fornisse consigli e suggerimenti utili, in molti si aspettano che hotel e strutture turistiche utilizzino tecnologie come l’intelligenza artificiale per dare consigli e suggerimenti in base alle precedenti esperienze di viaggio e altri ancora apprezzano innovazioni tecnologiche, come guide turistiche digitali, in grado di fornire esperienze fatte su misura.

4. Viaggi consapevoli

Il viaggiatore del futuro sarà sempre più consapevole.

Verso i diritti umani, l’uguaglianza, le condizioni del lavoro.

Questo probabilmente porterà a scegliere una destinazione in linea con questa tendenza.

O a non sceglierla.

Infatti, moltissimi viaggiatori decidono di non visitare una destinazione se pensano che il viaggio avrà un effetto negativo sulla popolazione locale.

Altro aspetto molto importante è quello che riguarda la sicurezza di chi viaggia, a prescindere dal sesso, dall’etnia o dall’orientamento sessuale.

5. Viaggi sostenibili

Le nuove generazioni, i Millennial e la Generazione Z, desiderano fare esperienze sostenibili, una volta raggiunta la destinazione del loro viaggio.

Gli hotel invece si impegneranno a ridurre l’uso della plastica, per diventare sempre più eco-sostenibili.

6. Ricerca dell’esperienza

Le esperienze contano più di tutto il resto.

Si parte da dove mangiare fino a dove dormire, passando per eventi di vario genere.

Le esperienze di viaggio hanno anche altre funzioni, una delle principali è quella di ridurre lo stress.

Gli hotel si trasformano per far ritornare bambini i visitatori: via libera a piscine di palline e castelli gonfiabili quindi!

7. Si viaggia soprattutto nel week end

Il tempo a disposizione è sempre meno, quindi molti viaggiatori concentrano gli spostamenti soprattutto nel week end.

Persiste la formula delle maggiori esperienze, scegliendo sistemazioni uniche.

Alcune novità riguardano le rotte aeree, sono maggiori, i prezzi delle compagnie, sempre più allettanti, i noleggi auto condivisi e i mezzi di trasporto sempre più efficienti.

Le nuove tecnologie

le nuove tecnologieSembrano essere tutti d’accordo che la tecnologia alberghiera giocherà un ruolo importante in quasi tutti gli aspetti che riguardano l’ospitalità.

Ad esempio per il marketing, rivestono una grande importanza la realtà aumentata e la realtà virtuale.

I viaggiatori saranno più portati a prenotare se avranno una sensazione tridimensionale della camera e riusciranno a prendere una decisione con maggiore facilità.

Altre tecnologie utilizzate nel digital marketing degli hotel sono i droni fotografici.

Per scattare foto uniche, da altezze vertiginose e attirare l’attenzione degli ospiti online.

Anche se ormai, per molti albergatori che già lo usano da anni non è più una novità, il 2019 sarà l’anno un cui gli hotel utilizzeranno e miglioreranno i sistemi di prenotazione, per convertire efficacemente il crescente numero di booker mobili.

Le camere saranno sempre più iperconnesse.

Non si parte più dal design, ma dall’installazione di una connessione internet ad alta velocità, alla possibilità di entrare in stanza con una chiave virtuale usando il proprio telefono, ai letti smart, ai tablet in camera.

Te lo avevamo già anticipato: il concierge virtuale.

Gli ospiti potranno prenotare la cena al ristorante o chiedere cuscini in più, usando un’app sul telefono o un dispositivo in camera.

Presso la struttura

E’ plausibile aspettarsi hotel con una maggiore coscienza verso la cultura locale, e quindi con opere di artisti del luogo appese alle pareti, o con la proposta di prodotti artigianali e locali.

In questa tendenza rientrano anche le collaborazioni con ristoranti e attività locali, per conoscere meglio il territorio.

E poi un’anima sempre più green.

Non dovrà mancare un’attenzione particolare all’eco-compatibilità, con bicchieri e bottiglie riutilizzabili, e poi illuminazione a LED o altre misure per ridurre al minimo i consumi.

E tu, che novità hai portato presso la tua struttura?

Condividi con noi la tua esperienza!

A presto,

Giovanni

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *